Obbediente nella forma

r1272_9_les_chapiteaux_du_cloitre-1008x756Ancora oggi, colpisce vedere sino a che punto l’incapacità artistica si leghi all’assenza del Sacro: certi paesi, certe sette, certe chiese anche, certi edifici religiosi persino, ostentano il proprio allonta-namento dal Sacro, in tutte le sue forme, con la loro cruda indigenza artistica. Il che, del resto, in nessun modo è collegato, come si poteva crederlo ancora nel secolo scorso, alla ricchezza o alla povertà; perché esiste una genuina povertà che è spesso magnifica: è la povertà della pittura delle catacombe,  è la povertà di tante nostre chiese di campagna. Inversamente, ecco che l’originaria bellezza di molti edifici oggi è stata annientata da preti zelanti, animati d’un lodevole desiderio di povertà, ma che confondono ciò che è povero con ciò che è soltanto squallido. Forse, appunto in questa direzione bisognerebbe cercare il segreto di questa capacità di creare che fa del minimo capitello romanico, così simile in tutte le sue linee a tutti gli altri, così obbediente nella sua forma all’architettura generale dell’edificio, un’opera d’invenzione.

Régine Pernoud

Annunci