Libertinismo

Nella forma del libertinismo si mostra la più completa dissoluzione dei vincoli tradizionali del vivere umano e l’eccesso di un senso di libertà che si attribuisce l’indisciplinatezza come suo contrassegno, se non come merito e impresa. […] L’intera concezione ruota intorno all’idea del pneuma come privilegio aristocratico di un nuovo tipo di uomo non più soggetto agli obblighi e neppure ai criteri fino ad allora vigenti nel mondo creato. […] L’uso sfrenato di questa libertà non è soltanto questione di mancanza di divieti, ma è realizzazione positiva della libertà stessa. […] 

La trasgressione anarchica, il nichilismo delle “età di mezzo” colma quell’assenza di leggi tra una Legge e l’altra con l’arbitrio autonomo di un Io liberato, compiacendosi della smisuratezza e santificando il sacrilegio. […] Nel rifiuto di obbedire a qualsiasi dovere […] si rivela l’atteggiamento rivoluzionario senza alcun rive-stimento speculativo. Pertanto il libertinismo appartiene al nucleo della ribellione gnostica. 

Hans Jonas