Resurrecturi

i-due

La teologia della resurrezione dei morti mi faceva ritrarre come da un patibolo. È possibile che in queste lettere Sergio ne abbia seminato tracce: era per lui un dogma assoluto. Resurrezione materiale di corpi dissolti, non certo di eterici o di rinati per samsāra, al termine bramato del tempo lineare. Confluiva lì il suo disperato anelito di salvezza, e la Chiesa coi suoi pontefici era accusata con violenza di aver voluto dimenticare che i morti risorgeranno e che il resurrecturi alle entrate dei nostri cimiteri non è una generica consolazione per i provvisoriamente vivi in visita floreale.

Guido Ceronetti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...