L’amicizia

maurice-blanchotDobbiamo rinunciare a conoscere coloro a cui ci lega qualcosa di essenziale; voglio dire, dobbiamo accoglierli nel rapporto con l’ignoto in cui essi ci accolgono, anche noi, nella nostra distanza.
L’amicizia, rapporto senza dipendenza, senza un evento particolare e dove entra nondime-no tutta la semplicità della vita, passa attraverso il riconoscimento dell’estraneità comune, che non ci consente di parlare dei nostri amici, ma solamente di parlare loro, non di farne un oggetto di conversazione (o di articoli), ma il movimento d’intesa in cui, parlandoci, essi mantengono, anche nella più grande familiarità, la distanza infinita, quella separazione fondamentale a partire dalla quale ciò che separa diventa rapporto.
 La discrezione è l’intervallo, il puro intervallo che, da me all’altro che mi è amico, misura tutto ciò che è fra noi, l’interruzione che non mi autorizza mai a disporre di lui, e che ci mette in relazione nella differenza e a volte anche nel silenzio della parola.

Maurice Blanchot

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...