Inchinarsi davanti alle immagini

7375aa764db3b04ea7136d310fdfb615

Ricordo, a un seminario sulla religione, che uno studente spiegò la meditazione trascendentale, da lui praticata. Alla domanda di un compagno: «Ma il mondo della politica, allora?», rispose: «È irrilevante. I computer possono gestirlo, e gestire l’intero paese, in modo molto più efficiente di noi, lasciandoci liberi di meditare per raggiungere l’illuminazione». Vedete la perfetta consonanza tra dittatura centrale ed egocentrismo del punto di vista spirituale? Quelle parole mi aprirono gli occhi: vidi che gli attuali culti basati sulla meditazione non sono così miti, così innocui come amano rappresentarsi, ma raccolgono intorno a sé un branco di pericolosi estremisti totalitari, incapaci di vedere l’individuo perché l’individuo lo si può vedere soltanto se si cerca l’anima con l’anima. Loro sono incapaci di vedere le persone come individui, figurarsi le cose nella loro individualità. E il terrorista che spara a un uomo sulla soglia di casa, che gli spara alle ginocchia, non vede affatto quell’uomo. Egli è immerso nella sua meditazione spirituale.

I terroristi sono come quei mistici che hanno voluto cancellare l’immaginazione per vivere nella notte assoluta dello spirito e quella loro via negativa ti spara alle ginocchia. Le ginocchia: il luogo della genuflessione, dell’inchinarsi davanti alle immagini. È importante ricollegare il terrorismo alle sue radici nella nostra coscienza religiosa. Il terrorista è il prodotto di un sistema educativo il quale insegna che la fantasia non è reale, che l’estetica è materia per gli artisti e l’anima è materia per i preti, che l’immaginazione è una cosa banale o pericolosa e buona per i matti, e che la realtà, ciò a cui dobbiamo adattarci, è il mondo esterno, e che quel mondo è privo di vita. Il terrorista è il risultato di questo lunghissimo processo di cancellazione totale della psiche. Mi disse una volta Corbin: «Il problema del mondo islamico è di avere distrutto le proprie immagini, e senza le immagini, che nella tradizione islamica sono così esuberanti e ricche, adesso impazzisce, perché non ha dove contenere la sua incredibile potenza immaginativa».

James Hillman

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...